Notizie

Incontro di calcio giovanile sospeso: il dibattito

E' ancora vivo il dibattito nato in seguito alla sospensione dell'incontro di calcio giovanile tra Ponte Ronca e Persiceto 85, valido per la categoria Giovanissimi provinciali di Bologna (età massima 14 anni) con il risultato fissato sul 31 a 0 per gli ospiti. La decisione, assunta dal direttore di gara dopo aver consultato gli allenatori di entrambe le squadre ha comportato la sospensione dello stesso, secondo quanto precisato da Antonio Aureliano, presidente dell'AIA di Bologna che ha dichiarato: "Non si tratta di una sospensione punitiva. Solo un paio di settimane di riposo in cui il ragazzo potrà seguire corsi e rinfrescarsi la memoria sulle regole". L'incontro dovrà essere rigiocato 

La regola 7 del gioco del calcio, non rispettata nel caso in questione, stabilisce la durata di una gara, ed esplicitamente definisce che il tempo di gioco deve essere conforme con il regolamento della competizione, nel caso dei Giovanissimi consistente in 35 minuti per tempo.

Negli sport di squadra l'unico ad ammettere la regola della sospensione del match per manifesta inferiorità è il baseball, tipico sport americano e si verifica quando il divario, a partire dal 7° inning (su nove) è pari o superiore ai 10 punti di scarto. Diverso invece è il regolamento degli sport di combattimento (ad es boxe, arti marziali, etc), nei quali l'alrbitro è tenuto, a suo giudizio, a sospendere il match quando il divario tecnico fra i due contendenti è elevato, allo scopo di preservare lo stato di salute del soccombente.